Questo sito non utilizza cookie per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e cookie di terze parti. Se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie esci dal sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina
 o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Create a Joomla website with Joomla Templates. These Joomla Themes are reviewed and tested for optimal performance. High Quality, Premium Joomla Templates for Your Site

SIGNIFICATO

Con il termine minicar o microcar s'intende un veicolo dalle dimensioni estremamente ridotte, equiparato per legge ai quadricicli leggeri o pesanti. Si tratta quindi di veicoli ecologici (77,9 g/km di CO2) con consumi e costi ridotti (33 km/L).

Le minicar classificate come quadricicli leggeri vengono equiparate ai ciclomotori, dunque è possibile guidarle previo conseguimento della patente AM (patentino). I modelli che invece vengono classificati come quadricicli pesanti sono assimilate ai motocicli e pertanto sono guidabili previo conseguimento della patente B1 o A1.

UN PO' DI STORIA

Le prime minicar furono costruite fin dagli anni sessanta e settanta: si trattava però di modelli a tre ruote, concepite più come automobili dagli ingombri ridottissimi, antenate delle moderne city car. Un esempio è l'italiana Casalini Sulky.

Le minicar in senso moderno fanno la loro comparsa negli anni ottanta in Francia, Paese che tuttora ospita alcune tra le principali Case costruttrici di minicar quali Aixam, Ligier e Chatenet. Si dovrà però attendere la metà degli anni novanta prima di una vera diffusione di tali veicoli nel resto d'Europa.

LEGGERA MA IN REGOLA

Nei Paesi dell'Unione europea le microcar rientrano in due tipologie di veicoli ben precise a seconda delle loro caratteristiche costruttive:

  • Quadricicli leggeri: si intendono le minicar guidabili dall’età di 14 anni con il certificato di idoneità alla guida, ovvero il patentino. Il quadriciclo leggero è considerato un ciclomotore a 4 ruote e non può superare la velocità di 45 km/h. In genere i quadricicli leggeri hanno un motore a gasolio con cilindrata compresa tra i 400 e i 550 cc oppure, se a benzina, non possono superare la cilindrata di 50 cc, esattamente come i ciclomotori, con una potenza in ogni caso non superiore ai 4 kw. Un quadriciclo leggero non può superare il peso di 350 kg.
  • Quadricicli pesanti: quando una microcar non rispetta i limiti potenza e prestazioni previsti per i quadricicli leggeri viene considerato un quadriciclo pesante, quindi guidabile con patente A1 dall’età di 16 anni. Il limite di peso per un quadriciclo pesante è di 400 kg o 550 kg nel caso si tratti di un mezzo destinato al trasporto di merci. Per il quadriciclo pesante il limite di potenza è fissato a 15 kw e la sua velocità massima non può essere superiore agli 80 km/h.

ROBUSTA E SICURA

Doppia struttura con telaio in alluminio per una protezione unica, omologata secondo le ultime normative in vigore nell'Unione Europea.
Uno chassis in profilato di alluminio estruso molto resistente che forma un abitacolo estremamente rigido che funge da cellula di sicurezza.
Una carrozzeria in materiale termoformato verniciata nella massa. Molto resistente e molto flessibile, progettata per assorbire ed ammortizzare l'energia in caso di urto.
 

BELLA ED ECOLOGICA

Alcuni dei quadricicli leggeri in commercio sono stati sottoposti ad un esame specifico da parte dell’ANCMA per testarne le emissioni nocive con il risultato che quasi sempre i livelli di inquinamento prodotti sono inferiori a quelli di autovetture diesel omologate Euro 3 e, per alcuni aspetti, sono altresì assimilabili a quelle con omologazione addirittura Euro 4. Anche il livello di emissione di anidride carbonica, dovuto al basso consumo di questi mezzi, è ridotto rispetto a quello delle autovetture.

Segui CityEmotion Su Facebook Google+ e YouTube

© Copyright  2015 CityEmotion di Rayan Defina - Microvetture.
All rights reserved. | P.I. 03515880049 -  rea 1182115
Realizzato da Seo Top Services